Tag: Caravaggio

Caravaggio e la Cappella Cerasi

Tiberio Cerasi nell’estate del 1600 aveva acquistato una cappella in Santa Maria del Popolo dedicata alla Vergine ed ai Santi Pietro e Paolo. Per la decorazione interna, decise di assoldare tre artisti completamente diversi per cultura stilistica: Carlo Maderno per l’architettura, Annibale Carracci e Caravaggio per la pittura. Pagò 400 scudi a Caravaggio per la…

Share

Caravaggio a Roma: La Cappella Contarelli

“Andando via di là, Gesù vide un uomo seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo e gli disse seguimi… ed egli si alzò e lo seguì….” La fama di Caravaggio a Roma si affermò, definitivamente, in seguito al primo grande lavoro pubblico. Il 23 Luglio 1599 Padre Berlinghiero della Reverenda Fabbrica di San Pietro gli…

Share

Caravaggio a Roma: La Madonna dei Pellegrini

Il soggiorno romano di Caravaggio è collocato negli anni tra il 1592 ed il 1606. Prima di ricevere nel 1603 la commissione da Ermete Cavelletti per la Madonna dei Pellegrini, l’artista lombardo aveva già deliziato il pubblico romano con decorazioni magistrali sia in San luigi dei Francesi (Cappella Contarelli) che in Santa Maria del Popolo…

Share

La Buona Ventura di Caravaggio

Giunto a Roma nel 1592 pochi mesi dopo l’elezione al soglio papale di Clemente VIII Aldobrandini, Caravaggio trovò una città che pullulava di personaggi illustri, botteghe di artisti e prostitute. Con non poche fatiche entrò nelle grazie del Cardinale del Monte.   Per il Cardinale e per i suoi amici dipinse diverse tele dai soggetti…

Share

A “cena” con Caravaggio

Michelangelo Merisi da Caravaggio era giunto a Roma nell’estate del 1592 da Milano. Nella città eterna fu indirizzato in un primo momento dai Colonna verso Pandolfo Pucci, ma in tempi rapidi lasciò questa bottega per inserirsi nella più florida del Cavalier d’Arpino; la svolta decisiva si ebbe quando entrò nelle grazie del Cardinal del Monte…

Share

Caravaggio e Napoli

Caravaggio visse Napoli per due volte. Il primo soggiorno risale alla fine del 1606, quando in seguito all’uccisione di Ranuccio Tomassoni, condannato in contumacia, inizia la sua fuga da Roma. A Napoli la sua fama era ben nota ed i protettori non gli mancavano; saranno proprio i Colonna a raccomandarlo ad un ramo collaterale della…

Share