Tag: Marmo

Arco di Costantino

Con i suoi 25 metri di altezza è il più grandioso dei tre archi superstiti a Roma. E’ a tre fornici, realizzato completamente in marmo ed è posto lungo l’antica via dei trionfi, nel tratto compreso tra il Circo Massimo e il Colosseo. Celebra la potenza dell’Imperatore Costantino a seguito del suo trionfo su Massenzio,…

Share

Augusto di Prima Porta

La statua in marmo bianco fu rinvenuta nella villa di Livia Drusilia, moglie di Augusto, a Prima Porta (lungo la via Flaminia) nel 1863. E’ nota anche come l’Augusto loricato (dalla lorica ovvero la corazza in pelle utilizzata dai legionari). L’Imperatore Ottaviano Augusto è ritratto in piedi, nel momento che precede l’adlocutio (solenne discorso ai…

Share

Arco trionfale di Settimio Severo

Non siate in disaccordo, arricchite i soldati, disprezzate chiunque altro. (Settimio Severo) Nel 203 d.C. per celebrare la vittoria definitiva sui Parti (attuale area del Medio Oriente), dopo due lunghissime campagne, ad opera dell’ imperatore romano di origini africane, Settimio Severo e dei suoi figli Geta e Caracalla, il Senato ed il popolo romano eressero…

Share

Vittoriano o Wedding Cake!

Per alcuni è noto come Vittoriano per altri come Altare della Patria e gli stranieri che arrivano a Roma leggono sulle guide di un’enorme “wedding cake” in pieno centro cittadino! Che confusione! Alla morte di Vittorio Emanuele II, avvenuta il 9 Gennaio 1878, il governo e l’opinione pubblica si mobilitarono per realizzare un progetto che…

Share

Michelangelo e la Pietà di Palestrina

Michelangelo Buonarotti, semplicemente noto come Michelangelo, nella sua lunghissima carriera (l’artista aretino morì ad 89 anni) per ben quattro volte si confrontò con il tema scultoreo della Pietà. La Pietà più famosa, prima in ordine cronologico (1499), e l’unica ad essere materialmente definita è la Pietà Vaticana; seguirono la c.d. Pietà di Firenze, la Pietà…

Share

L’integrazione perfetta: la Biga Vaticana

Poco prima di percorrere la Galleria dei Candelabri, a conclusione del Museo Pio Clementino all’interno dei Musei Vaticani, anche il turista più distratto si sofferma ad ammirare la c.d. Sala della Biga. La Sala deriva il suo nome dalla cassa di Biga (I secolo d.C.) trainata da due cavalli, mirabile invenzione di Francesco Antonio Franzoni…

Share

Stupore e fascino: l’ermafrodito dormiente

Tra i capolavori più suggestivi dell’antichità, un posto d’onore è occupato dall’Ermafrodito addormentato della collezione del Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo. La scultura in marmo lunense fu rinvenuta nel 1879 all’interno di un edificio privato romano, sotto il Teatro dell’Opera in una nicchia murata e riempita di terra del peristilio. Ovidio nelle sue Metamorfosi,…

Share

Il Discobolo Lancellotti

Scoperto nel 1781 nell’area di Villa Palombara sull’Esquilino, il Discobolo fece parte per lungo tempo della collezione privata della famiglia Lancellotti (da cui deriva il nome) nel Palazzo Massimo Lancellotti a Roma. Nel 1938 fu acquistato dalla Gipsoteca di Monaco di Baviera e ivi rimase per ben 10 anni. Dal 1953 si trova nel Museo…

Share

Il capolavoro della statuaria rinascimentale: David di Michelangelo

Nel 1464 gli operai dell’Opera del Duomo commissionarono ad Agostino di Duccio un colosso marmoreo alto quasi sei metri da collocare su uno dei contrafforti del Duomo. Le statue colossali risalivano all’antichità ed era difficile replicarle, se non impossibile. Dopo poco Agostino di Duccio abbandonò il lavoro, i sovrintendenti dell’Opera non si diedero per vinti…

Share

La più bella tra le belle: la musa Polimnia

L’incantevole cornice della Centrale Montemartini di Roma regala meraviglie ad ogni angolo. Anche il visitatore più distratto non può rimanere inerme dinanzi al fascino della statua della Musa Polimnia, nota anche come Musa Pensosa. Siamo a Roma, nel biennio 1927/1928 e durante gli scavi che interessano la zona di Via Terni (Villa Fiorelli), verso il…

Share