Tag: Affreschi

Il ninfeo di Livia

Livia Drusilia, terza moglie dell’Imperatore Ottaviano Augusto, aveva a sua disposizione, presso la Villa familiare di Prima Porta (Villa d’otium) una camera sotterranea di cui ancora non si conosce perfettamente la destinazione d’uso. Generalmente la si vuole identificare come un “ninfeo ipogeo”, tipico delle Ville romane ed utilizzato per difendersi dalla calura nei mesi estivi….

Share

Raffaello a Roma: Il Trionfo di Galatea

Nonostante gli innumerevoli impegni, Raffaello non seppe dire di no al banchiere-mecenate Agostino Chigi. Questi nel 1512 gli chiese di affrescare la sua villa delle delizie, nota oggi come Villa Farnesina alla Lungara. La villa era stata realizzata su progetto di Baldassare Peruzzi in pochi anni e necessitava di decorazioni per essere utilizzata e “celebrata”…

Share

Santa Maria Antiqua al Foro Romano

Caduta nell’oblio per molti secoli, Santa Maria Antiqua, è la più antica Chiesa cristiana all’interno del Foro Romano – dedicata alla Vergine, posta alle pendici del Palatino, fu edificata nella metà del VI secolo. Venne abbandonata a seguito del terremoto dell’ 847 d.C. e fu identificata una prima volta nel XVIII secolo dal Valesio che la…

Share

Quando l’arte emigra all’estero: gli affreschi della Villa di Fannius (Boscoreale) al MET di NY

La terribile eruzione del Vesuvio del 79 d.C. ecclissò diverse città oltre le ben note Pompei, Ercolano, Oplontis e Stabiae, la coltre di cenere e lapilli seppellì anche le Ville di Boscoreale in Provincia di Napoli. Questa piccola cittadina alle pendici del Vesuvio è da alcuni identificata con il Pagus Augustus Felix Suburbanus, dove con…

Share

Il sogno di Nerone si chiamava: Domus Aurea

Tuttavia gli sperperi maggiori li fece nelle opere di costruzione. Si fece costruire una casa che si estendeva dal Palatino all’Esquilino che chiamò dapprima transitoria e poi, quando la fece ricostruire, perché era stata distrutta da un incendio, aurea. Della sua grandezza e magnificenza basterà dire questo: c’era un atrio in cui era stata eretta…

Share

Mitreo di Santa Maria Capua Vetere

L’antica Capua non aveva nulla da invidiare a Roma e come quest’ultima aveva un Mitreo tra i più ricchi per decorazione dell’intero impero. Il mitreo, dedicato al dio Mitra, culto di origini persiana, celebrava la forza del Sole sulla natura, sugli esseri viventi e sugli uomini; il culto si diffuse in Italia nell’esercito, tra i…

Share

Pompei, 79 d.C.

Ecco il Vesuvio, un tempo verdeggiante di folte vigne, un tempo produttore, d’un eccellente vino: questo è il monte che Bacco amò più dei colli di Nisa: su queste balze i Satiri danzarono in coro. E questa fu Pompei, città prediletta di Venere, a lei cara più della stessa Sparta: e questa fu Ercolano, dedicata…

Share

Le maggiori attrazioni religiose a Praga: San Nicola a Malà Strana e San Vito

In ceco Malà Strana significa piccolo quartiere o piccola città. Intorno al 1170 fu costruito il Ponte di Giuditta, spazzato via da una piena della Moldava nel 1342 e sostituito dal ben noto Ponte Carlo, con l’intento di collegare la Città Vecchia al quartiere di Malà Strana. Malà Strana divenne formalmente una città nel 1257…

Share

79 d.C., Oplontis

Oplontis sorge nella moderna Torre Annunziata (Napoli). Con l’eruzione del Somma (il Vesuvio di cui si parla sempre, erroneamente, si è formato dopo l’eruzione dall’antico cratere del Somma) del 79 d.C., seguì le sorti di Pompei, Ercolano, e Stabiae. Le prime campagne di scavi furono effettuate nel XVIII secolo (periodo borbonico), ma solo nel XX…

Share

Francesco I e l’Italia a Fontainebleau

Affascinato dal Rinascimento italiano, Francesco I re di Francia dal 1515 al 1547, ricorse ad alcuni artisti italiani per il rifacimento e la decorazione del Castello di Fontainebleau. La residenza di caccia di Fontainebleau utilizzata sin dal XII secolo dai re di Francia, è dal 1981 Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Francesco I, dopo un iniziale periodo…

Share