Tag: Barocco

Palazzo Barberini: Pietro da Cortona ed il Trionfo della Divina Provvidenza

Durante il suo pontificato Maffeo Barberini, salito al soglio papale con il nome di Urbano VIII (1623-1644), investì tantissimi energie nel mecenatismo artistico. Per la decorazione del salone nobile del Palazzo di famiglia, terminato in quegli anni da Carlo Maderno con l’aiuto di Francesco Borromini, Urbano VIII chiamò uno tra i migliori pittori presenti sulla…

Share

Marmo come carne: Bernini, Apollo e Dafne

Considerato uno dei vertici dell’arte di ogni tempo, il gruppo scultoreo dell’Apollo e Dafne fu realizzato da Gian Lorenzo Bernini per Scipione Borghese, tra gli anni 1621-1625. Il soggetto dell’opera proviene dalle Metamorfosi di Ovidio. Si narra del folle amore di Apollo per Dafne, causato da una freccia lanciatagli da Cupido. La bellissima ninfa rifiuta…

Share

Caravaggio: la Maddalena Penitente

Nei primi anni del suo soggiorno romano, collocato nel periodo dal  1590/92 al 1606, Caravaggio dipinse, per una committenza tutt’ora incerta, il dipinto della Maddalena penitente. (Parte della critica lo attribuisce al Cardinale F. Maria del Monte). In un ambiente completamente spoglio collocò seduta su di una seggiola, la figura di questa giovane donna. La…

Share

Bernini e la Fontana dei Quattro Fiumi

L’occhio vi si perde per meraviglia e bisogna ritornare più volte per vagheggiarla.   Quando il 12 Giugno del 1651 fu inaugurata, la Fontana dei Quattro Fiumi nello scenario romantico ed unico al mondo di Piazza Navona, la fama del suo autore Gian Lorenzo Bernini, crebbe ulteriormente a Roma ed in Europa. Erano gli anni…

Share

Donna Olimpia, la Pimpaccia di Roma

Chi dice donna, dice danno, chi dice femmina dice malanno, chi dice Olimpia Maidalchina dice donna, danno e rovina! (Pasquinata) La Roma Barocca di metà ‘600 aveva indubbiamente due protagonisti: Papa Innocenzo X Pamphilj (1644-1655) e sua cognata Olimpia Maidalchini, nata nel 1594 a Viterbo e figlia di un potente uomo d’affari. A 18 anni,…

Share

Le maggiori attrazioni religiose a Praga: San Nicola a Malà Strana e San Vito

In ceco Malà Strana significa piccolo quartiere o piccola città. Intorno al 1170 fu costruito il Ponte di Giuditta, spazzato via da una piena della Moldava nel 1342 e sostituito dal ben noto Ponte Carlo, con l’intento di collegare la Città Vecchia al quartiere di Malà Strana. Malà Strana divenne formalmente una città nel 1257…

Share