Tag: Bernini

Il Ratto di Proserpina, Bernini ed il marmo come “carne”!

Nel giugno del 1621 Scipione Borghese iniziò a pagare il ventitreenne Gian Lorenzo Bernini per il gruppo monumentale del Ratto di Proserpina. Inizialmente ospitato a Villa Borghese, fu successivamente trasferito a Villa Ludovisi. Solo nel 1908, acquistato dallo Stato Italiano, fu nuovamente riportato nel sito originario. L’attuale collocazione, all’interno di una grande sala della Galleria…

Share

Amore tormentato, Bernini e Costanza Bonarelli

Noto alle cronache come un “busto privato” e tra i pochi esempi di “arte senza un committente”, il piccolo ritratto in marmo (h72cm) di Costanza Bonarelli, opera di Gian Lorenzo Bernini è conservato oggi al Museo del Bargello a Firenze. Perché tanta curiosità intorno ad un busto di donna? Costanza non era una donna qualunque,…

Share

Marmo come carne: Bernini, Apollo e Dafne

Considerato uno dei vertici dell’arte di ogni tempo, il gruppo scultoreo dell’Apollo e Dafne fu realizzato da Gian Lorenzo Bernini per Scipione Borghese, tra gli anni 1621-1625. Il soggetto dell’opera proviene dalle Metamorfosi di Ovidio. Si narra del folle amore di Apollo per Dafne, causato da una freccia lanciatagli da Cupido. La bellissima ninfa rifiuta…

Share

Il Baldacchino di San Pietro

Gian Lorenzo Bernini aveva solo 25 anni quando dal Papa Urbano VIII Barberini ebbe l’incarico di realizzare il Baldacchino nella Basilica di San Pietro. Era questa la prima grande commissione pubblica per il giovane artista che aveva già dimostrato la sua bravura come scultore. In San Pietro, però, si interfacciava con qualcosa di nuovo; gli…

Share

Bernini e la Fontana dei Quattro Fiumi

L’occhio vi si perde per meraviglia e bisogna ritornare più volte per vagheggiarla.   Quando il 12 Giugno del 1651 fu inaugurata, la Fontana dei Quattro Fiumi nello scenario romantico ed unico al mondo di Piazza Navona, la fama del suo autore Gian Lorenzo Bernini, crebbe ulteriormente a Roma ed in Europa. Erano gli anni…

Share

Gli angeli di Ponte Elio

L’idea di decorare uno dei ponti più antichi della città eterna, Ponte Elio o Ponte Sant’Angelo, costruito per volere dell’imperatore Adriano, era stata sperimentata in forma temporanea con statue di stucco, in occasione dell’arrivo di Carlo V a Roma nel 1536. Il 22 settembre 1667, tre mesi dopo l’elezione di Papa Clemente IX, furono pagati…

Share

Il martirio di Pietro e la Basilica Vaticana

Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa. In un anno imprecisato, tra il 64 d.C. ed il 67 d.C., durante il regno dell’imperatore Nerone, Pietro subiva il martirio. Nell’area dell’Ager Vaticanus, dove era sorto anche il Circo c.d. di Nerone (in parte tangente all’attuale Piazza San Pietro), Pietro fu crocifisso a…

Share

Bernini a Roma, selezione di capolavori: Estasi di Santa Teresa

In un periodo stranamente poco florido per la sua carriera, a causa del pontificato ostile di Innocenzo X Pamphilj, Gian Lorenzo Bernini ricevette dal Cardinal Cornaro una prestigiosa commissione: la decorazione della cappella di famiglia in Santa Maria della Vittoria. La Cappella Cornaro si apre lungo il lato sinistro dell’unica navata presente in Santa Maria…

Share

Antonio Canova e la ricerca dell’equilibrio: Amore e Psiche

Apuleio nella sua opera più importante, le Metamorfosi o l’Asino d’oro, narra della favola di Amore e Psiche, giovane fanciulla mortale dalla bellezza che eguaglia Venere. L’opera di Antonio Canova, datata al 1788, appartiene al gruppo delle allegorie mitologiche, oggi esposta al Museo del Louvre. Ne esistono altre due versioni, di cui una con i…

Share