Covid-19, how the world of art changes!

Covid-19, how the world of art changes!

(Italian Version below*)

We have been overwhelmed for several weeks by a real pandemic. Our habits have changed radically and the Italian government has imposed before any other European country, due to force majeure, to stay at home

After a few days of clear home heeling, each of us started to concentrate our energies to try to make the days more productive than ever.

A quote that I often like to repeat to myself is the following: In order not to get used to it, not to resign yourself, not to give up, you need passion. To live you need passion.

Fortunately, my passion for the art world that expands 360 degrees, never goes out. In the most difficult moments, in fact, paradoxically, my thirst for knowledge and deepening of the subject increases. 

The world of the web is the best tool, the only one at the moment, which allows us to open our minds, travel, dream and enrich our cultural background.

Let’s try to create our top ten through the “network”. Are you ready?

If I close my eyes and look for my favorite artist, well it’s always been a difficult challenge, I can’t choose. It seems that I can only get lost in all the artistic beauties.

I start with the KING of the sunflowers, Vincent Van Gogh.

With a quick click I am in Amsterdam and I am spoiled for choice in the museum’s online catalog. However, I also want to recommend a visit to the Kroller Muller in Otterlo, also in Holland, which after the Amsterdam museum hosted one of the largest collections dedicated to Van Gogh.

In addition to the museum websites, we can use Google Street and get to Pisa to admire the incredible murals: All World (TuttoMondo) by Keith Haring.

We have no limits in exploring the world from one corner to another, we are comfortably seated on our sofa, why not dream? 

I have a great weakness for the Big Apple and for the Moma. One name above all, Andy Warhol! 

Impossible not to tell you about my little “geographically speaking” Italy! I want to explore it with a bird’s eye flight from South to North.

Sicily for me is Antonello da Messina and his Annunciata, preserved in Palermo.

Campania, here are my origins, my heart and a masterpiece that is worth a trip to Naples, the Veiled Christ .

Lazio is Rome, the eternal city, a city that has adopted me for many years and that fills my soul with art and beauty. I have a great passion for Michelangelo Merisi from Caravaggio. In the alleys around Piazza Navona, his uncontested genius echoes in the Churches of San Luigi dei Francesi and Sant’Agostino, but the greatest number of works can be seen in one of my favorite places in the Eternal City, the Galleria Borghese.

Tuscany is Florence with the collections that the world envies us, I obviously speak of the Uffizi, and among the favorite works I choose Michelangelo’s Tondo Doni.

What if we head north? 

The Pinacoteca di Brera in Milan is a precious treasure chest, from which I choose another masterpiece, the Christ who died in the sepulcher with three mourners by Andrea Mantegna.

Always in the North but on the opposite side, Venice offers us a rich catalog at the Gallerie dell’Accademia, where I have a soft spot for Jacopo Tintoretto.

Especially when I have to summarize and summarize Italy, I can only mention the great Mimmo Jodice and his “What was I thinking before I got lost in watching?”.

I have always been lost in the artistic beauty of my country, of which I am enormously proud, despite the paradoxes and unexpressed potential.

——————————————————————————————————————–

Siamo travolti da diverse settimane da una vera e propria pandemia. Le nostre abitudini sono cambiate radicalmente ed il governo italiano ha imposto prima di ogni altro paese Europeo, per causa di forza maggiore, di rimanere a casa. 

Dopo alcuni giorni di chiaro sbandamento casalingo, ognuno di noi ha iniziato a concentrare le proprie energie per cercare di rendere più che mai produttive le giornate.

Una citazione che amo spesso ripetere a me stessa è la seguente: Per non assuefarsi, non rassegnarsi, non arrendersi, ci vuole passione. Per vivere ci vuole passione.

Fortunatamente la mia passione per il mondo dell’arte che si espande a 360 gradi, non si spegne mai. Nei  momenti più difficili, anzi, paradossalmente, aumenta la mia sete di conoscenza e approfondimento della materia. 

Il mondo del web è lo strumento migliore, l’unico al momento, che ci permette di aprire la mente, viaggiare, sognare ed arricchire il nostro bagaglio culturale.

Proviamo a creare attraverso la “rete” la nostra top ten. Siete pronti?

Se chiudo gli occhi e cerco il mio artista preferito, bhè da sempre è una sfida ardua, non riesco a scegliere. Sembra che posso solo perdermi in tutte le bellezze artistiche.

Inizio dal signore dei Girasoli, Vincent Van Gogh.

Con un rapido click sono ad Amsterdam ed ho solo l’imbarazzo della scelta nel catalogo on line del museo. Voglio però consigliarvi anche un salto al Kroller Muller di Otterlo, sempre in Olanda, che dopo il museo di Amsterdam ospita una delle maggiori collezioni dedicate a Van Gogh.

Oltre ai siti web dei musei, possiamo utilizzare Google Street ed arrivare a Pisa per ammirare l’incredibile murales: Tutto Mondo di Keith Haring.

Non abbiamo limiti nell’esplorare il mondo da un angolo all’altro, siamo comodamente seduti sul nostro divano, perchè non sognare? 
Io ho un grande debole per la Grande Mela e per il Moma. Un nome su tutti, Andy Warhol! 

Impossibile non parlarvi della mia piccola “geograficamente parlando” Italia! Voglio esplorarla con un volo d’uccello da Sud a Nord.

Sicilia per me è Antonello da Messina e la sua Annunciata, conservata a Palermo.

Campania, qui ci sono le mie origini, il mio cuore ed un capolavoro che vale un viaggio a Napoli, il Cristo Velato .

Lazio è Roma, città eterna, città che mi ha adottata da tanti anni e che mi riempie l’animo di arte e bellezza. Ho una grande passione per Michelangelo Merisi da Caravaggio. Nei vicoli intorno Piazza Navona riecheggia il suo genio incontrastato nelle Chiese di San Luigi dei Francesi e di Sant’Agostino, ma il maggior numero di opere è visibile in uno dei miei luoghi preferiti della città eterna, la Galleria Borghese.


Toscana è Firenze con le collezioni che il mondo ci invidia, parlo ovviamente degli Uffizi, e tra le opere preferite scelgo il Tondo Doni di Michelangelo.

E se ci dirigessimo al Nord? 

La Pinacoteca di Brera a Milano è uno scrigno prezioso, dal quale scelgo un altro capolavoro, il Cristo morto nel sepolcro con tre dolenti di Andrea Mantegna.

Sempre al Nord ma sul versante opposto, Venezia ci offre un catalogo ricco alle Gallerie dell’Accademia, dove ho un debole per Jacopo Tintoretto.

Soprattutto quando devo sintetizzare e riassumere l’Italia, posso solo citare il grande Mimmo Jodice ed il suo “Cosa stavo pensando prima di perdermi a guardare?”.

Da sempre, mi perdo,  nelle bellezze artistiche del mio paese, di cui sono enormemente fiera, nonostante i paradossi ed il potenziale non espresso.

Sostieni la #culturachevince, aiuta la condivisione.

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Selenia Morgillo.

8 Replies to “Covid-19, how the world of art changes!”

  1. L’immaginazione non ha confini se non quelli che stabiliamo noi stessi. Ai tempi del coronavirus dove siamo fisicamente chiusi nelle mura domestiche, continuaiamo ad immaginare e a sognare anche grazie all’arte dove senza immaginazione e il sogno di lasciare un segno in questo mondo, nessun artista avrebbe creato. Brava Selenia!

    1. Grazie Selenia per rendere le nostre giornate più produttive allenando e ampliando la nostra immaginazione e arricchendo i nostri punti di osservazione rivolti alle nostre e non opere d’arte.

    2. Grazie Selenia per rendere le nostre giornate più produttive allenando e ampliando la nostra immaginazione e arricchendo i nostri punti di osservazione rivolti alle nostre e non opere d’arte.

  2. Leggendo questo fantastico articolo, riga dopo riga, ho vissuto un fantastico viaggio nel mondo dell’arte. In attesa che presto potremmo tutti vivere e godere di questo patrimonio.

  3. Grazie per questo viaggio.
    C’è bisogno di persone come te in questo momento, con la tua positività .
    Se l’obiettivo era trasmettere la tua passione, l’hai centrato❤

  4. Gracias Selenia por mantener esa llama encendida por amor al arte y la cultura. Enfrentando un nuevo estilo de vida que nos recuerda que somos uno!!

  5. Il viaggio e l’arte hanno in comune il creare un legame che va oltre confini, epoche e le vite umane. Grazie per avercelo ricordato in maniera così interessante e creativa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.