The Cathedral of Rome: St. John in Lateran

The Cathedral of Rome: St. John in Lateran

(Italian Version below*)

San Giovanni in Laterano (St. John in Lateran)  as well as being one of the four papal basilicas of Rome (having a Holy door that opens and closes in conjunction with the Jubilee, with San Pietro , Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura) is also the Cathedral of the City.

The word Cathedral derives from the Chair – Throne, present in the main Church of the Diocese where the Bishop sits, a figure which for the city of Rome coincides with that of the Pope.

The foundation of the Basilica of San Giovanni in Laterano is connected to the figure of Emperor Constantine who built it as an ex-voto following the victory over Maxentius during the Battle of Ponte Milvio in 312 AD.

The ancient paleochristian structure defined at the time of Constantine has undergone numerous changes over the centuries: the current facade of the Basilica is the work of Alessandro Galilei (1691-1737) and the internal makeover is due to the ideas of the Pope Innocent X Pamphilij on the occasion of the Jubilee of 1650 implemented by Francesco Borromini.

Majestic the sculptures of the Apostles overlooking the 12 tabernacles constituting a real catalog of the best artists in town: Camillo Rusconi, Lorenzo Ottoni, Pierre Etienne Monnot, just to name a few.

The tabernacle placed to cover the central altar has a clear late Gothic inspiration, containing the reliquaries with the heads of Peter and Paul (the current reliquaries are copies) and frescoed on the sides by a Roman follower of Antoniazzo Romano.

After passing the tabernacle, the visitor literally gets lost in the transept area, a riot of seventeenth-century frescoes that frame the apse mosaic, among the best in Rome, albeit widely restored.

The pride and arrival point of a visit to the Basilica of San Giovanni in Laterano is the cloister medieval (36 meters per side), the sum of Cosmatesque art and of the Roman family of marble workers: the Vassalletto family.

And if you are passionate about Giotto, do not forget to admire the only surviving fresco of the ancient decoration of the Loggia Delle Benedizioni that the critics attribute to the great artist and which is now preserved along the right nave.

InfoSite: Click Here

All rights reserved*

————————————————————————————————————

San Giovanni in Laterano oltre ad essere una delle quattro basiliche papali di Roma (avente cioè una porta Santa che si apre e si chiude in concomitanza del Giubileo, con San Pietro, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura) è anche la Cattedrale della Città.

Il termine Cattedrale deriva dalla Cattedra – Trono, presente nella Chiesa principale della Diocesi ove siede il Vescovo, figura che per la città di Roma coincide con quella del Papa.

La fondazione della Basilica di San Giovanni in Laterano è collegata alla figura dell’Imperatore Costantino che la edificò come ex voto in seguito alla vittoria su Massenzio durante la Battaglia di Ponte Milvio del 312 d.C.

L’antico impianto paleocristiano definito all’epoca di Costantino ha subito numerose modifiche nel corso dei secoli: l’attuale facciata della Basilica è opera di Alessandro Galilei (1691-1737) ed il rifacimento interno si deve alle idee del Pontefice Innocenzo X Pamphilij in occasione del Giubileo del 1650 attuate da Francesco Borromini.

Maestose le sculture degli Apostoli che si affacciano dai 12 tabernacoli costituenti un vero e proprio catalogo dei migliori artisti in circolazione: Camillo Rusconi, Lorenzo Ottoni, Pierre Etienne Monnot, solo per citarne alcuni.

Affascina il tabernacolo posto a copertura dell’altare centrale di chiara ispirazione tardo gotica, contenente i reliquiari con le teste di Pietro e Paolo (gli attuali reliquiari sono delle copie) ed affrescato sui lati da un seguace romano di Antoniazzo Romano.

Superato il tabernacolo, il visitatore, si perde letteralmente nella zona del transetto, tripudio di affreschi seicenteschi che fanno da cornice al mosaico absidale, tra i migliori di Roma, seppur ampiamente restaurato.

Fiore all’occhiello e punto di arrivo di una visita alla Basilica di San Giovanni in Laterano è il chiostro medievale (36 metri per lato), summa dell’arte cosmatesca e della famiglia romana di marmorari: i Vassalletto.

E se siete appassionati di Giotto, non dimenticate di ammirare l’unico affresco superstite dell’antica decorazione della Loggia delle Benedizioni che la critica attribuisce al grande artista e che oggi è conservato lungo la navata destra.

InfoSite: Basilica di San Giovanni in Laterano

Sostieni la #culturachevince, aiuta la condivisione.

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Selenia Morgillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.