Obelisco Flaminio

L’Obelisco flaminio è uno dei tredici obelischi antichi di Roma ed ha un’altezza di 24 metri che diventano 36.50 con il basamento. Il basamento è decorato sulle facciate da due iscrizioni di Augusto che ricordano il Dio Sole e la conquista dell’Egitto (Battaglia di Azio contro Marco Antonio nel 31 a.C.). Realizzato all’epoca dei faraoni…

Share

Il Ghetto Ebraico di Roma

La presenza della comunità ebraica a Roma ha radici antiche. Gli ebrei erano presenti in città dal II secolo a.C. Il loro numero crebbe nel I secolo d.C. dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Vespasiano e Tito. Con  la riforma protestante, l’atteggiamento dei pontefici si inasprì. Papa Paolo IV, nel 1555, ordinò la…

Share

Caravaggio e la Cappella Cerasi

Tiberio Cerasi nell’estate del 1600 aveva acquistato una cappella in Santa Maria del Popolo dedicata alla Vergine ed ai Santi Pietro e Paolo. Per la decorazione interna, decise di assoldare tre artisti completamente diversi per cultura stilistica: Carlo Maderno per l’architettura, Annibale Carracci e Caravaggio per la pittura. Pagò 400 scudi a Caravaggio per la…

Share

Raffaello a Roma: la Loggia di Amore e Psiche

Agostino Chigi, banchiere di origini senesi e tra i più ricchi d’Europa, nel 1506 affida a Baldassarre Peruzzi la costruzione di una villa suburbana, oggi nota come Villa Farnesina alla Lungara. Un tempio di delizie, di ozio ed un trionfo dell’Amore, questo era l’intento del mecenate che commissionò al genio di Raffaello la decorazione di…

Share

Canova, neoclassicismo e vigore con Ercole e Lica

Il gruppo scultoreo di Ercole e Lica fu commissionato dal principe Onorati Gaetano d’Aragona allo scultore Antonio Canova nel 1795. Successivamente, nel 1800, l’opera fu acquistata dal banchiere Giovanni R. Torlonia che volle collocarla nel Palazzo di famiglia in Piazza Venezia. All’inizio del XX secolo il Palazzo Torlonia fu demolito e l’opera canoviana, dopo una…

Share

Lo Spinario

La ricchissima collezione dei Musei Capitolini ospita, in una delle Sale del Palazzo dei Conservatori, la piccola scultura bronzea de Lo Spinario, giunta in Campidoglio nel 1471 con la cospicua donazione di Sisto IV. Lo Spinario è la personificazione di un fanciullo o pastorello che si estrae una spina dal piede. Un’opera straordinaria che invita…

Share

Banksy e Napoli

Contrariamente a quanto si va dicendo, non è vero che i graffiti sono la più infima forma d’arte. Certo, può anche capitare di dover strisciare furtivamente in piena notte e dire bugie alla mamma, ma in verità è una delle forme d’arte più oneste che ci siano. Non c’è elitarismo né ostentazione, si espone sui…

Share

Caravaggio a Roma: La Cappella Contarelli

“Andando via di là, Gesù vide un uomo seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo e gli disse seguimi… ed egli si alzò e lo seguì….” La fama di Caravaggio a Roma si affermò, definitivamente, in seguito al primo grande lavoro pubblico. Il 23 Luglio 1599 Padre Berlinghiero della Reverenda Fabbrica di San Pietro gli…

Share

Ara Pacis Augustae

Nel suo testamento “Res Gestae” Augusto ci tramanda il perché della costruzione dell’Ara Pacis. Fu inaugurata con una solenne cerimonia il 30 Gennaio del 9 a.C. seguendo le volontà del Senato e dell’imperatore stesso che la inserì nel suo progetto di propaganda e monumentalizzazione della città. Quando tornai a Roma dalla Gallia e dalla Spagna……

Share

Caravaggio a Roma: La Madonna dei Pellegrini

Il soggiorno romano di Caravaggio è collocato negli anni tra il 1592 ed il 1606. Prima di ricevere nel 1603 la commissione da Ermete Cavelletti per la Madonna dei Pellegrini, l’artista lombardo aveva già deliziato il pubblico romano con decorazioni magistrali sia in San luigi dei Francesi (Cappella Contarelli) che in Santa Maria del Popolo…

Share