Icona Berlinese: la Porta di Brandeburgo

La Porta di Brandeburgo é un chiaro riferimento ai Propilei, edificio di ingresso dell’Acropoli di Atene. Fu eretta tra il 1788 e il 1791 su progetto di Carl Langhans, per volere del sovrano prussiano Federico Guglielmo II.

Lo scopo era quello di valorizzare il lunghissimo viale di Unter der Linden, che conduceva al palazzo Reale e oggi é l’unica porta superstite delle 18 presenti in città.

La struttura ha un’altezza di 26m. E’ sormontata da una quadriga realizzata dallo scultore berlinese Johann Schadow. L’opera  suscitò la curiosità di Napoleone che decise di trafugarla come bottino di guerra e nel 1807 fu trasferita trionfalmente a Parigi.

Quando la Prussia sconfisse nuovamente la Francia nel 1814 la quadriga fu restituita alla città tedesca. Da quel momento la  conduttrice della quadriga impersonò la vittoria alata e il luogo venne denominato Pariser Platz (Piazza Parigi) in ricordo del suddetto trionfo.

La Porta di Brandeburgo si trova nel quartiere berlinese di Mitte ed è stata negli anni lo scenario di numerosi eventi storici, alcuni di triste memoria poiché vi furono ambientati numerosi spot di propaganda nazista.

Fu ridotta quasi in macerie durante la seconda guerra mondiale perché il Bunker di Hitler e diversi palazzi del potere del Reich erano localizzati in zona adiacente.

Nel 1961 quando fu eretto il Muro, rientrò nella  parte di Berlino Est e divenne un luogo non più liberamente accessibile.

Solo nel 1989, anno della caduta del Muro, la piazza accolse tutti i berlinesi, finalmente “riuniti” e liberi.

 

Sostieni la #culturachevince, aiuta la condivisione.

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Selenia Morgillo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.