The Church of the Germans in Rome: Santa Maria dell’Anima

The Church of the Germans in Rome: Santa Maria dell’Anima

Italian Version below*

Santa Maria dell’Anima, the national church of the German community in Rome, is located a few steps from Piazza Navona, in the homonymous street.

Originally it was a hospice for German, Dutch and Flemish pilgrims, during the 16th century it was transformed into a real church with the contribution of the pontifical master of ceremonies Giovanni Buckard, who entrusted the overall project to Giuliano da Sangallo.

Minor interventions are attributed to Sansovino, decoration of the portal, and to Bramante for the bell tower. The latter intervention, however, is a reason for discussion among historians. 

The church was inaugurated by Pope Hadrian VI, of German origins, buried there since 1523.

The interior has 3 asymmetrical naves, with references to German ecclesiastical architecture.

The vault of the central nave is of great scenographic impact with the frescoes by Ludovico Seitz and the stained glass window above the entrance. All this goes back to the drastic restoration work started in the 19th century.

The visitor is amazed by the colors of the frescoes and cannot take his eyes off the Renaissance masterpiece that stands out in the presbytery area: the Holy Family and Saints by Giulio Romano, a pupil of Raphael.

The altarpiece known as Pala Fugger, was commissioned to the Mantuan artist by Jakob Fugger around 1520 the year of Raphael’s death.

The composition is imposing, in the center stands the Virgin and Child, surrounded by Saints Giovanni Battista Giacomo and Marco, in the background you can see architecture with arches similar to a cryptoporticus. The references to what Giulio had been able to see and learn in the famous master’s workshop are innumerable.

Among the lateral chapels, the one known as the Margraves of Brandenburg stands out on the left side, with the deposition of Francesco Salviati, one of the greatest exponents of Mannerism.

The church of Santa Maria dell’Anima stands in a strategic crossroads that will allow you to see numerous masterpieces within a few meters, from Piazza Navona with Sant’Agnese in Agone, to the Church of Santa Maria della Pace with the frescoes of Raphael’s Sibyls.

All rights reserved*

Follow me on Instagram


Santa Maria dell’Anima, chiesa nazionale della comunità tedesca a Roma, sorge a pochi passi da Piazza Navona, nell’omonimia via.

In origine era un ospizio per i pellegrini tedeschi, olandesi e fiamminghi, nel corso del XVI secolo fu trasformata in una chiesa vera e propria con il contributo del cerimoniere pontificio Giovanni Buckard, il quale affidò il progetto globale a Giuliano da Sangallo.

Interventi minori si attribuiscono al Sansovino, decorazione del portale, e a Bramante per il campanile. Quest’ultimo intervento è però motivo di discussione tra gli storici. 

La chiesa fu inauguarata da Papa Adriano VI, di origini tedesche, ivi sepolto dal 1523.

L’interno è a 3 navate asimmetriche, con riferimenti alle architetture ecclesiaste tedesche.

La volta della navata centrale è di grande impatto scenografico con gli affreschi di Ludovico Seitz e la vetrata a colori sopra l’ingresso. Tutto ciò risale al drastico intervento di restauro avviato nel XIX secolo.

Il visitatore è strabiliato dai colori degli affreschi e non riesce a togliere lo sguardo dal capolavoro rinascimentale che campeggia nell’area del presbiterio: la Sacra Famiglia e Santi di Giulio Romano, allievo di Raffaello.

La pala d’altare  nota con il nome di Pala Fugger, fu commissionata all’artista mantovano da Jakob Fugger intorno al 1520 anno della morte di Raffaello.

La composizione è imponente, al centro campeggia la Vergine con il Bambino, circondata dai Santi Giovanni Battista Giacomo e Marco, sullo sfondo si scorge un’architettura con arcate simile ad un criptoportico. I richiami a ciò che Giulio aveva potuto vedere ed apprendere nella bottega del celebre maestro sono innumevoli.

Tra le Cappelle laterali spicca quella detta dei Margravi di Brandeburgo sul lato sinistro, con la deposizione di Francesco Salviati, tra i massimi esponenenti del manierismo.

La chiesa di Santa Maria dell’Anima sorge in un crocevia strategico che vi consentirà di vedere numerosi capolavori nel raggio di pochi metri, da Piazza Navona con Sant’Agnese in Agone, alla Chiesa di Santa Maria della Pace con gli affreschi delle Sibille di Raffaello.

Segui la mia pagina Instagram: selenia_eyeonart

Sostieni la #culturachevince, aiuta la condivisione.

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Selenia Morgillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.