Durante il suo pontificato Maffeo Barberini, salito al soglio papale con il nome di Urbano VIII (1623-1644), investì tantissimi energie nel mecenatismo artistico. Per la decorazione del salone nobile del Palazzo di famiglia, terminato in quegli anni da Carlo Maderno con l’aiuto di Francesco Borromini, Urbano VIII chiamò uno tra i migliori pittori presenti sulla…

Share